Il blocco della perequazione 1998/2000 sulle pensioni integrative o complementari


Print Friendly, PDF & Email

Per il blocco Fornero del 2012 – 2013 per le pensioni complementari clicca qui.

Cosa è il blocco 1998 / 2000

La Legge Finanziaria del 1998 (legge n. 449 del 1997), all’ art. 59, comma 13, dispose il blocco triennale della perequazione automatica delle pensioni più alte.
Senonchè per legge questo blocco doveva riferirsi solo alle pensioni “pubbliche”, ovvero a carico dell’ INPS, e per questo motivo venne “salvata” dalla Corte Costituzionale nella sentenza del 2001 n. 256.
Le Banche approfittarono di questa norma per bloccare illegittimamente anche le pensioni integrative.

Le sentenze di Cassazione

La Cassazione ha condannato molte volte le Banche a ripristinare la perequazione bloccata illegittimamente.
Si tratta delle seguenti sentenze:

Le sentenze di merito

Anche i Tribunali e le Corti d’ Appello sono orientati a favore dei pensionati.

Le sentenze di Firenze

Le sentenze di Biella

Le sentenze di Genova

Chi sono gli aventi diritto ?

Tutti coloro che – già pensionati alla data del 31 dicembre 1997 – percepiscono oltre alla pensione INPS una pensione a carico di un Fondo Integrativo, a condizione che l’importo mensile complessivamente percepito al 31/12/97 fosse superiore ad £. 3.488.500.
Il diritto di costoro si trasmette anche ai superstiti che siano titolari della pensione di reversibilità.

Il credito ha dei termini di prescrizione ?

La domanda di ricalcolo della pensione non si prescrive mai, e ogni pensionato che rientri nell’ipotesi di cui al punto precedente può presentare la domanda per ottenere l’aumento della pensione mensile.
Oltre all’aumento mensile è possibile ottenere anche la condanna del Fondo al pagamento degli arretrati, in questo caso il termine di prescrizione è di cinque anni.
Ciò significa, in pratica, che un pensionato che non abbia inviato alcuna richiesta al Fondo può ottenere l’adeguamento della pensione futura ed il riconoscimento degli arretrati di pensione degli ultimi cinque anni dal momento della richiesta.