Fondi ex esonerativi ed ex esclusivi

La normativa
Gli Enti Pubblici creditizi vennero privatizzati dalla c.d. Riforma Amato, ovvero la legge 218/90 ed il Decr. Leg.vo 357/90.
Per la storia anche successiva della normativa dei Fondi ex esonerativi ed ex esclusivi clicca qui

La Convenzione con l' INPS

Fino al 31 dicembre 2012 le Banche hanno erogato anche la pensione per conto dell' INPS, in forza della apposita Convenzione del 15 febbraio 1999 stipulata con l' INPS.
La Gestione Speciale presso l' INPS aveva una durata prevista di venti anni, ma venne prorogata fino al 31 dicembre 2012.
Dal 1° gennaio 2013 non operò più il regime "transitorio", e la quota INPS venne pagata direttamente dall' INPS e non più dalle Banche.
Con Decreto Ministeriale 12 dicembre 2012 (G.U. n. 108 del 10 maggio 2013) il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha disposto la soppressione della Gestione speciale, presso l’INPS, degli enti pubblici creditizi, ai sensi dell’articolo 7, comma 5, del decreto legislativo 20 novembre 1990, n. 357. Contestualmente il Ministero ha decretato il trasferimento all’assicurazione generale obbligatoria delle residue attività patrimoniali, così come risultanti dal rendiconto 2010 e riportate nel prospetto allegato, della Gestione speciale per l’erogazione dei trattamenti pensionistici al personale degli enti pubblici creditizi, istituita presso l’INPS e soppressa a decorrere dal 1° gennaio 2011.
Il Bilancio della Gestione Speciale risulta dall' Allegato 1 ed Allegato 2 del Decreto Ministeriale 12 dicembre 2012

Forme pensionistiche ex esclusive:
- Banco di Napoli
- Banco di Sicilia

 

Forme pensionistiche ex esonerative

- Fondo per le pensioni ed indennità al personale della CARIPLO.
- Cassa di previdenza aziendale per il personale del Monte dei Paschi di Siena.
- Fondo di previdenza per il personale della Cassa di Risparmio di Firenze.
- Cassa di previdenza per il personale dell’Istituto bancario S. Paolo di Torino.
- Fondo pensioni per il personale della Cassa di Risparmio di Torino.
- Cassa di previdenza per il personale della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
- Fondo di previdenza per il personale della Cassa di Risparmio di Asti.
- Fondo pensioni per il personale della Cassa centrale di Risparmio “V. Emanuele” per le provincie siciliane.

 

Per completezza di esposizione, segnaliamo che vi erano altri due Fondi esonerativi non appartenenti al settore creditizio, ovvero:
- Fondo di previdenza per il personale dipendente dalla Direzione Generale dell’INA.
- Cassa di previdenza per il personale di ruolo dell’Istituto Autonomo per le case popolari della provincia di Genova.