Le Ordinanze di rimessione alla Corte Costituzionale

 

Il Tribunale di Cuneo, con Ordinanza del 18 novembre 2016, ha dichiarato che il blocco della perequazione ha violato l' art. 6 della Convenzione Europea dei Diritti dell' Uomo.

 


" Con il decreto legge 65/15 è stata dunque frustrata la tutela giurisdizionale del cittadino, e quindi il suo diritto ad un equo processo, che, nel caso di specie, consisteva nel vedersi applicare la disciplina della perequazione delle pensioni risultante dalla declaratoria di incostituzionalità, affidamento del tutto legittimo (poiché basato sulle rispettive competenze degli organi dello Stato nonché sulla certezza giuridica di cui il rispetto del giudicato – tanto più il giudicato costituzionale – costituisce componente fondamentale), che è stato invece disatteso.
Ciò appare in contrasto con l'art. 6, comma 1, della Convenzione Europea dei diritti dell'uomo"


Per compilare il modulo di adesione senza impegno clicca qui

Per leggere le istruzioni sulle azioni collettive clicca qui

Per consultare l'elenco delle altre udienze in tutta Italia cliccare qui

CCost
Elenco delle Ordinanze di rimessione alla Corte:

Segnaliamo in particolare, per la loro motivazione assai pregevole:

- Tribunale di Cuneo 18 novembre 2016
- Tribunale di Genova 9 agosto 2016



Le altre Ordinanze in ordine cronologico:

- Tribunale di Palermo 22 gennaio 2016
- Tribunale di Brescia 8 febbraio 2016
- Corte dei Conti dell' Emilia Romagna 23 febbraio 2016
- Corte dei Conti delle Marche 26 aprile 2016
- Tribunale di Milano 30 aprile 2016
- Tribunale di Napoli 15 luglio 2016
- Tribunale di Torino 27 settembre 2016

I vizi di incostituzionalità già denunciati dai Giudici sono sostanzialmente riconducibili a due profili:
1. L' incostituzionalità nel merito
2. La violazione del giudicato costituzionale

Per l' analisi approfondita dei profili di incostituzionalità vai all' apposita pagina:

Motivi di incostituzionalità (clicca qui)