BLOCCO DELLA PEREQUAZIONE

Domande frequenti - FAQ

Dubbio




In quale sede INPS si spedisce la raccomandata ?

Alla sede INPS della residenza del pensionato, e non a Roma.







Dove trovo il cedolino dell' INPS ?

Si deve accedere al sito www.inps.it (servizi per il cittadino – cassetto previdenziale per il cittadino – prestazioni – pagamenti).
Per chiunque non riuscisse a reperire un cedolino con la pensione INPS del 2012, può andar bene anche un cedolino del 2013 o successivo. In estremo subordine si può indicare l' importo netto del mese precedente, precisando nella comunicazione al nostro Studio che si tratta di un importo netto.

Gli eredi hanno diritto agli arretrati?

Certamente. Hanno diritto agli arretrati, e se sono titolari della pensione di reversibilità hanno diritto anche all' aumento mensile.

Ha diritto anche chi risede all' estero ?

Certamente, purchè si sia titolari di una pensione italiana (INPS o Fondo complementare). Per chi risiede all' estero la causa andrà promossa presso il Tribunale competente per l' ultimo luogo di residenza in Italia, poichè si applica l' art. 444, comma 2, del codice di procedura civile, che così stabilisce: "Se l'attore [cioè il pensionato] è residente all'estero la competenza è del tribunale, in funzione di giudice del lavoro, nella cui circoscrizione l'attore aveva l'ultima residenza prima del trasferimento all'estero".
La raccomandata all' INPS andrà spedita alla sede dell' ultima residenza.

Gli esodati hanno diritto ?

Purtroppo NO.
Coloro che NON erano in pensione negli 2012 e 2013 non avevano diritto alla perequazione e quindi non possono "recuperarla", poichè l' assegno straordinario non viene perequato, e la situazione è ancora peggiore per i lavoratori in vuoto reddituale.



L’ Inps ha risposto dicendo che la mia domanda è irricevibile, in quanto spedita tramite lettera cartacea e non in via telematica. E’ corretto quello che afferma l’ INPS ?

L’ Inps ha torto.
La legge non prevede assolutamente che la domanda o il ricorso amministrativo all’ INPS debbano essere presentati solo in via telematica, poiché la norma sul punto è rimasta l’art. 46 della Legge 9 marzo 1989, n. 88.
Si tratta di una prassi interna introdotta dall’ INPS con una sua Circolare n.169 del 31.12.2010, a decorrere dal 21 febbraio 2011, ma senza alcun fondamento in una norma di legge, che non è stata mai modificata.
Quindi la domanda o il ricorso in forma cartacea rimangono perfettamente validi.

Chi lavorava in Banche con la posizione INPS accentrata nella città della sede legale della Banca, dove deve spedire la raccomandata?

Sempre alla sede INPS di residenza del pensionato.
Aggiungiamo che vi sono state molte Banche che avevano accentrato tutto a Milano Missori (Banca Commerciale, Cariplo, Credito Italiano, ecc) oppure Torino (Istituto San Paolo e CRT) o a Napoli (Banco di Napoli), ecc.
Per tutti costoro la domanda va comunque spedita alla sede INPS di residenza del pensionato.

Un precisazione che riguarda i soli Fondi Pensione ex esonerativi o esclusivi delle Banche: per questi pensionati fino a tutto il 2012 il cedolino era consegnato dalla sola Banca anche per la quota INPS, e solo dal 2013 inizia il cedolino emesso INPS.